BLOG

Google: un primo passo contro il “click fraud”

luglio 26th, 2006 in Varie,Web Marketing

Per chi utilizza Google Adwords da stamane è possibile effettuare una reportistica che tenga conto di quelli che Google stesso definisce “invalid clicks�? nell’annuncio di Shuman Ghosemajumder, Business Product Manager for Trust & Safety del motore di ricerca di Mountain View.

La procedura è semplice: una volta effettuato l’accesso all’account Adwords si va nella sezione “Rapporti�?, si clicca su “Crea un rapporto ora�? e dopo aver settato le nostre preferenze sul tipo di statistica si possono aggiungere ulteriori colonne al report.

Tra i dati che è possibile ora estrapolare ci sono adesso le voci “Clic non validi�? e “Percentuale di clic non validi�?.

Questo dato ci indica la quantità di clic non validi generati sulle nostre campagne. Per non validi si intendono, non solo i clic fraudolenti, ma anche clic doppi, cioè azioni ripetute sullo stesso annuncio a breve distanza temporale. L’importo di questi clic non viene addebitato sulla carta o sulla fattura cliente.

Ho provato subito (e come resistere…) a fare un breve rapporto su alcune campagne: la media di clic non validi si aggira sull’11%, che su numeri importanti non significa pochi clic.

E’ il primo significativo passo in termini di trasparenza che Google compie nella lotta al click fraud : in questo modo vuole comunicare a tutti i suoi inserzionisti che il motore ha messo in piedi un sistema di conteggio di clic doppi, fasulli, fraudolenti che l’inserzionista non pagherà.

In questo modo il fenomeno del click fraud di cui si fa un gran parlare negli States, ma che in Europa fortunatamente è ancora molto marginale, dovrebbe quantomeno essere arginato, se questo sistema si rivelerà, come speriamo, vincente

No Responses

There're no comments yet. Start networking!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.